Il filo di Arianna
>> Sipgi Marche
Che cos’è il Counseling
"Consigliare gli altri, sia nell'ambito scolastico, religioso, ospedaliero o aziendale, richiede una profonda empatia, la comprensione del carattere e delle tensioni interne della personalità, la capacità di accettare e rispettare gli altri senza falsi moralismi, l'umiltà di non imporre le proprie scelte di vita. Il compito del counselor è quello di favorire lo sviluppo e l'utilizzazione delle potenzialità del cliente, aiutandolo a superare quei problemi di personalità che gli impediscono di esprimersi pienamente e liberamente nel mondo esterno. Il superamento del problema, la vera trasformazione, comunque, spetta solamente al cliente: il counselor può solo guidarlo, con empatia e rispetto, a ritrovare la libertà di essere se stesso".

cit. "L'arte del Counseling di Rollo May"
Immagine
Immagine
Tradurre il termine Counseling risulta difficile in relazione al fatto che il suo significato si pone in uno spazio intermedio tra due concetti correlati, ma distinti: la consulenza e la relazione di aiuto. Il counseling è, in effetti, una consulenza all'interno di una relazione di aiuto. La consulenza è un intervento nel quale vengono messe in gioco le competenze specifiche di un professionista. Una relazione di aiuto è, invece, un processo nel quale un soggetto attraverso l'offerta di tempo, attenzione e rispetto, talvolta col sostegno di specifiche metodologie, aiuta un altro che è in difficoltà a ritrovare risorse e modi per condurre in modo produttivo la sua esistenza. Il Counselor può possedere due distinti livelli di competenze: uno specifico, relativo ad un determinato settore (medico, scolastico, di orientamento, sanitario, sociologico, aziendale, eccetera) e l'altro, generico ma fondamentale, che attiene al modo di entrare in relazione ed essere di aiuto a persone che sperimentano un disagio. Il secondo livello di competenza è quello più complesso da acquisire e viene strutturato nel corso della formazione per essere calato nello specifico ambito applicativo. In questo senso il Counseling è una metodologia trasversale a tutte le professioni che prevedono la relazione tra persone come determinante essenziale in termini decisionali e applicativi allo svolgimento dell'attività. Queste professioni sono anche di frequente a rischio di burn-out e necessitano della piena efficienza dell'individuo per raggiungere un elevato livello di produttività. Ne consegue che l'applicazione di interventi di counseling potenziano enormemente gli standard qualitativi di determinate professioni.
Di che cosa si occupa SIPGI Marche
SIPGI Marche è una scuola di Counseling a indirizzo Pluralistico Gestaltico Integrato che si occupa della formazione di Esperti nella Relazione d’Aiuto e Tecnico socio-assistenziale individuale e di gruppo secondo un approccio Umanistico-Esistenziale.
Pluralistico e Integrato perché riteniamo che un solo modello non basti. L'integrazione di varie modalità, tutte unite da una stessa base Umanistico-Esistenziale, risulta essere una grande risorsa personale da poter applicare nella relazione d'aiuto e nelle relazioni quotidiane.

Destinatari del Master
Chi intende entrare rapidamente e con una solida formazione nell'ambito delle professioni d'aiuto. Chi opera già , a vario titolo, in ambito assistenziale, sociale, sanitario, nel volontariato, a medici, psicologi, infermieri, specialisti della riabilitazione, pedagogisti ed educatori, sociologi, assistenti sociali, grafologi, docenti, manager, sacerdoti e gestori di risorse umane. Più in generale a tutti quelli che intendono affinare le proprie capacità comunicative e relazionali, acquisire il senso di autoefficacia nell'aiutare gli altri e raggiungere il proprio ben-essere.
Chi intende formarsi per esercitare una nuova professione, non sanitaria, che guarda all'uomo nelle sua interezza e al ben-essere personale, esistenziale, sociale, emotivo, spirituale, al potenziamento delle proprie risorse, agevolando i cambiamenti che avvengono nella vita.

Obiettivi
•Sviluppare la capacità di ascolto e migliorare la capacità comunicativa ai fini dell'arricchimento personale e nella relazione d'aiuto
•Aumentare l'autostima e sicurezza personale attraverso lo sviluppo delle proprie risorse e l'accettazione dei propri limiti
•Acquisire le tecniche di base per gestire al meglio le relazioni umane interpersonali
La formazione: come è strutturata
Il Master in Gestalt Counseling integrato prevede una modalità di insegnamento teorico-esperienziale basata sul principio dell'apprendere attraverso l'osservazione e la pratica. L'apprendimento in prima persona delle abilità di Counseling viene considerato strumento essenziale per l'effettiva assimilazione delle metodologie e per l'integrazione degli atteggiamenti relazionali, che sono l'essenza stessa del processo di Counseling e che permettono al professionista di adottare uno stile di intervento personale, autentico, creativo ed efficace. L'obiettivo della formazione consiste nel far acquisire le competenze e la consapevolezza, che consentono all'allievo di maturare un proprio modo d'essere nella relazione con l'altro, sia essa una relazione di aiuto, sia qualunque altra relazione nei diversi contesti lavorativi, familiari e sociali. Si può considerare la formazione al Gestalt Counseling integrato come un processo a più livelli: a livello personale, come maturazione e sviluppo della capacità di essere presenti a se stessi, con una sana autostima e con una maggiore consapevolezza delle dinamiche della propria personalità; a livello sociale, come acquisizione di abilità nella comunicazione efficace; a livello della relazione di aiuto, come capacità di essere presenti all'esperienza dell'altro, equilibrando sostegno, empatia e impegno verso il cambiamento.
Immagine
Programma didattico
Il Master in Gestalt Counseling prevede un BIENNIO formativo di 450 ore al termine del quale si consegue il Diploma di Counselor base, spendibile nell'ambito delle competenze e della professione che già si esercita. Invece, per esercitare la specifica professione di Counselor, ai sensi della legge 4/2013, è richiesto un ULTERIORE ANNO di formazione di 500 ore. Sono, inoltre, necessarie ore di percorso personale di counseling o di psicoterapia.
Per garantire la qualità del percorso, il gruppo di lavoro sarà a numero chiuso e le persone interessate al master faranno un preventivo colloquio conoscitivo e alcuni test.
Gli incontri formativi ed esperienziali si terranno nel periodo Settembre/Giugno con cadenza di un week-end ogni tre settimane (Sabato pomeriggio e Domenica mattina e pomeriggio).

I moduli saranno equamente divisi tra lezioni teoriche, esercitazioni pratiche e guidate, gruppo di crescita personale, supervisoni.

E' necessario inoltre effettuare:
•80 ore di tirocinio, 40 delle quali presso centri convenzionati con la scuola o presso strutture ritenute idonee allo scopo e altre 40 come attività di studio e ricerca.
•70 ore di percorso individuale o di gruppo, a taglio umanistico-esistenziale da concordare con la scuola. E' possibile certificare percorsi già effettuati, se compatibili con l'impostazione teorico-pratica del corso.

La direzione della scuola è disponibile a valutare percorsi formativi pregressi, attinenti ai temi e all'esperienza del master in Gestalt Counseling integrato con possibili riconoscimenti di crediti formativi.
Immagine
Microcounseling
Il Microcounseling è il primo step del Master in Gestalt Counseling Integrato ed è articolato in cicli di moduli di breve durata e rilascia un attestato relativo alle abilità di base del Counseling.
Utile per chi è interessato a mettere a fuoco gli aspetti teorici di base e ad approcciare queste prime abilità. Inoltre risulta funzionale per chi è interessato ad approcciare, integrare o potenziare alcune parti.
Inoltre il Microcounseling permette agli allievi di apprendere appieno la valenza del Master e le capacità richieste per la partecipazione. Ciò permetterà di decidere serenamente e consapevolmente se continuare l'intero percorso.
Per chi desidera in seguito continuare il percorso e diventare Counselor di base, questi incontri verranno scalati.
Livelli professionali dei counselor afferenti a scuole riconosciute dal CNCP
I livelli di competenza professionale previsti dal CNCP per la qualifica di Counselor sono quattro e sono autonomi l’uno dall’altro: Counselor di base (Professionista con abilità di counseling), Counselor Professionista, Counselor Professionista Avanzato, Counselor Formatore-Supervisore. Sono richiesti i seguenti requisiti minimi per il conseguimento delle differenti qualifiche e passaggi di livello, che saranno riportate nelle attestazioni rilasciate dall'Associazione.

Qualifica di Counselor di base(Professionista con abilità di counseling):
Per ottenere dal CNCP la qualifica di counsellor di base il socio deve possedere e documentare:
Almeno 25 anni d’età e titolo di studio corrispondente al Diploma di scuola secondaria di secondo grado o almeno 23 anni d’età se in possesso di laurea triennale; Essere una figura professionale già operante in una relazione di aiuto o assistenza, nel campo educativo, sociale, assistenziale, sanitario o legale; Attività formative riconosciute comprensive di un monte ore di almeno 450 da espletare in non meno di due anni e comprensive di tirocinio alla fine del percorso; Il superamento di una prova d’esame finale; il “Counselor di base” (professionista con abilità di counseling) può svolgere esclusivamente attività di counseling nell’ambito professionale di propria competenza.

Qualifica di Counselor Professionista
Per ottenere dal CNCP la qualifica di Counselor Professionista il socio deve possedere e documentare:
La qualifica di counselor di base; Almeno 26 anni d’età e titolo di studio corrispondente al Diploma di scuola secondaria di secondo grado; o almeno 24 anni d’età se in possesso di Laurea triennale; Attività formative riconosciute e attestate per un totale minimo di 500 ore da svolgersi in almeno un anno formativo e suddivise in studi teorici attività seminariali tirocini pratica supervisionata sviluppo personale e altre attività che favoriscono l’a acquisizione delle competenze professionali; Le attività formative di cui al punto b) devono fare riferimento ad un modello di Counseling riconosciuto dalla pratica scientifica nazionale o internazionale; il superamento di una prova d’esame finale.

Qualifica di Counselor Professionista Avanzato
Per ottenere dal CNCP la qualifica di Counselor Professionista Avanzato il socio deve possedere e documentare:
la qualifica di Counselor Professionista; Ulteriori attività formative, professionali e attività supervisionata per un totale di almeno 850 ore attestate da una scuola riconosciuta dal CNCP.

Qualifica di Formatore-Supervisore in Counseling
Per ottenere dal CNCP la qualifica di Formatore-Supervisore in Counseling, il socio deve possedere e documentare:
La qualifica di Counselor Professionista Avanzato; Attestato di un percorso formativo specifico almeno biennale, rilasciato da una scuola riconosciuta dal CNCP; Attestato di partecipazione alle giornate di Expert Meeting programmate dall’associazione, tenute nel periodo considerato di formazione; in alternativa aver partecipato ad almeno 2 giornate formative organizzate da sedi regionali e ad almeno 1 giornata formativa organizzata a livello nazionale dal CNCP.